Neem, l’Albero Divino

Con il termine Neem si indica in maniera generica la pianta Azadirachta indica, molto diffusa in India e conosciuta sin dall’antichità per le sue numerose e notevoli proprietà benefiche, tanto da essere conosciuta anche come “Albero divino”. Da questa altissima pianta indiana (può raggiungere i 30 metri di altezza) si ricava un portentoso rimedio sia sotto forma di olio (ottenuto da spremitura a freddo dei frutti e delle foglie dell’albero), sia sotto forma di foglie polverizzate, utili per impacchi.

Il Neem è un disinfettante naturale, purificante, cicatrizzante, antimicotico e antinfiammatorio.

neem

Sotto forma di polvere, deve essere utilizzato mescolandolo con acqua molto calda fino ad ottenere una crema morbida e liscia, mescolando eventualmente altre polveri di erbe a seconda delle proprie necessità. Il composto così ottenuto può essere utilizzato come impacco per capelli o come maschera viso.

Sui capelli, è utile per combattere prurito e secchezza del cuoio capelluto, ed è inoltre un potente antiforfora.

Come maschera viso, purifica, sfiamma e disinfetta acne e brufoli, ed è inoltre un ottimo coadiuvante nella cura di eczema, dermatite, psoriasi e orticaria.

Anche sotto forma di olio vergine e spremuto a freddo, le proprietà antinfiammatorie e antibatteriche del Neem possono aiutare a risolvere diversi problemi di pelle, purificandola e rendendola più morbida, aiutando a sfiammarla e cicatrizzarla in caso di eczema, psoriasi, foruncoli, herpes, acne e allergie cutanee. Essendo un potente antimicotico, aiuta anche a combattere funghi della pelle.

L’olio di Neem è inoltre utile anche per i nostri amici animali: è infatti un ottimo antiparassitario e tiene lontani pulci e insetti; il suo odore (che non è proprio gradevole, unico difetto di un prodotto della natura eccezionale, ma si supera e ci si fa l’abitudine) tiene lontane anche zanzare, acari e pidocchi sia dagli animali che dall’uomo (e anche dalle piante!).

Insomma, se la tua pelle e il tuo cuoio capelluto soffrono da un po’, prova a risolvere il problema rivolgendoti ad un “Albero divino”!